La star dei Cavs Kevin Love reagisce alla sconfitta contro Tyler Herro nella battaglia per il sesto uomo dell’anno

L’attaccante dei Cleveland Cavaliers Kevin Love non ha altro che rispetto e ammirazione per Tyler Herro dopo che la guardia dei Miami Heat lo ha battuto per il sesto uomo dell’anno.

Love è arrivato secondo nella votazione, ma non è stato nemmeno vicino poiché Herro ha ottenuto una vittoria schiacciante dietro 96 voti per il primo posto, solo quattro in meno per diventare il vincitore unanime. Il 22enne ha totalizzato 488 punti, mentre il big del Cavs ha chiuso con appena 214 punti.

L’attaccante dei Phoenix Suns Cam Johnson è arrivato terzo con 128 punti.

Dopo aver appreso dei risultati, Love è andato su Twitter per congratularsi con Herro e condividere quanto gli piace il gioco della guardia. E mentre il giovane Heat ha raggiunto nuove vette nella sua carriera, Love ha detto che è solo l’inizio di cose migliori a venire per lui.

“Tutti quelli che mi conoscono sanno che amo il gioco (e lo swag) di Tyler Herro – molto rispetto per un’incredibile campagna da sesto uomo. Il meglio deve ancora venire per Herro”, ha detto Love.

Tyler Herro ha sicuramente meritato l’onore, e mentre Kevin Love ha un caso tutto suo con la sua rinascita con i Cavs, è semplicemente difficile battere ciò che il tiratore scelto ha fatto con gli Heat in questo 2021-22.

Tuttavia, è bello vedere l’amore dare credito dove è dovuto. Nessuno può battere la brillante stagione che ha avuto con i Cavs anche se non ha vinto il Sesto Uomo dell’anno. Essere in quella conversazione è già di per sé un messaggio forte che Love ha lasciato di più nel suo serbatoio.

https://twitter.com/kevinlove/status/1521623021622108161

Lo stato ufficiale di Zach LaVine per il gioco 5 contro Bucks, imperdibile di Bulls, è stato rivelato

Stasera, i Chicago Bulls sono ufficialmente in modalità do-or-die. La loro gara in Gara 5 contro i Milwaukee Bucks estenderà o concluderà la loro stagione. Una campagna di sorprendente successo che li ha portati ai playoff NBA, guidati da una coppia di All-Stars in DeMar DeRozan e Zach LaVine, potrebbe finire per mano di Giannis Antetokounmpo e Jrue Holiday.

Con la stagione dei Bulls in gioco, LaVine non potrà farci nulla. Il team ha annunciato che sarà assente martedì dopo essere entrato nei protocolli di salute e sicurezza.

La fine del suo primo riscatto nei playoff NBA in panchina è molto deludente per LaVine. Il suo sviluppo è stato un enorme motivo per cui i Bulls sono diventati di nuovo una squadra di playoff. Ha segnato una media di 24,4 punti, 4,6 rimbalzi e 4,5 assist a partita in questa stagione e ha stabilito un’incredibile chimica con DeRozan.

Gara 5, che si svolge a Milwaukee, riposerà sulle spalle di DeRozan e potrebbe facilmente essere una vittoria esplosiva dei Bucks. Antetokounmpo, Holiday e persino Grayson Allen hanno brillato in questa serie. Finora LaVine ha una media di 19,3 punti a partita e 6,0 assist a partita leader della squadra nei playoff NBA. Replicare questa produzione sarà molto difficile per Chicago.

Anche se stasera la stagione finisce in modo brutto, i Bulls hanno avuto una stagione promettente. Hanno dimostrato di avere le carte in regola per essere una squadra di playoff e di avere un brillante futuro con Zach LaVine.

Draymond Green di Warriors si scaglia contro i dubbiosi della star dei Cavs Darius Garland

Draymond Green è chiaramente un grande fan della star dei Cleveland Cavaliers[canotte basket Cleveland Cavaliers poco prezzo], Darius Garland. In un recente episodio di The Draymond Green Show, il talismano dei Golden State Warriors ha espresso ancora una volta quanto sia stato colpito da Garland. Green aveva anche un messaggio speciale per chiunque dubitasse di questo giovane.

Secondo Green, ha seguito la carriera di Garland da quando era al college. Green sapeva che il playmaker dei Cavs sarebbe stato speciale fin dall’inizio e ora pone una domanda seria a chiunque la pensasse diversamente:

“Darius Garland, che a meno che tu non sappia il basket, non l’hai visto su questa traiettoria”, ha detto (con Jonathan Sherman di Cavaliers Nation). “Ma conosco il basket e sapevo quando sono andato a vedere Darius Garland giocare alla USC a Los Angeles quando era a Vanderbilt che questa era la traiettoria su cui Darius Garland sarebbe andato. Se non l’hai fatto, devi mettere in discussione il tuo cappellino da basket”.

Questa non è certamente la prima volta che Green ha elogiato Garland. La star di Warriors vede Darius come una sorta di fratellino ed è chiaro che Green gli dà le spalle.negozio canotte basket poco prezzo

Come ha detto Green, Garland è ancora su una traiettoria, il che significa che deve ancora raggiungere il suo pieno potenziale. A soli 22 anni, il cielo è il limite per questo ragazzo.

Come la star di Bucks Giannis Antetokounmpo può strappare il titolo di punteggio a Joel Embiid, ha rivelato

Con solo un’altra partita rimasta nella stagione regolare, il titolo del punteggio è ora da perdere per Joel Embiid. Questo a meno che una svolta miracolosa degli eventi non vada a favore della superstar dei Milwaukee Bucks Giannis Antetokounmpo, che matematicamente parlando, può ancora strappare la corona a Embiid durante il finale di stagione di domenica.

Le probabilità sono contro il talismano Bucks, tuttavia, con Embiid che attualmente detiene un vantaggio imponente su di lui. In questo momento, l’unico modo in cui Giannis può rubare il titolo di marca alla stella dei Sixers è se Antetokounmpo diventa Kobe Bryant al completo domenica (h/t StatMuse su Twitter):

Embiid entra domenica con una media di 30,4 punti a partita. Questo è stato dopo la sua esplosione di 41 punti sabato contro gli Indiana Pacers. Giannis, invece, è a 29.9. Come afferma il factoid sopra, Antetokounmpo dovrà segnare un sacco di punti domenica. A questo punto, sembra che Embiid sia un blocco per il titolo di punteggio.

Vale la pena notare, tuttavia, che nella sua mente, tutto questo non ha importanza per Giannis. In una recente intervista, l’ex MVP back-to-back ha rivelato perché non gliene frega niente del titolo di punteggio o della corona di MVP per quella materia:

“Ti trattiene. Ci credo davvero”, ha detto la star di Bucks. “Non raggiungi il tuo pieno potenziale se ti preoccupi di queste cose. Sono ossessionato dal basket, voglio davvero essere il meglio che posso essere. L’ho dimostrato più volte che ne parlo. Non mi interessa segnare un campione, non me ne potrebbe fregare di meno. Non mi riferisco a MVP, non me ne potrebbe fregare di meno.

“Voglio solo essere il miglior giocatore che posso essere, e ovunque mi porti, sto bene. Se continuo a preoccuparmi di vincere il campione dei marcatori… mi allontana dai traguardi che voglio davvero raggiungere”.

Devo ammettere che questo è stato un monologo davvero impressionante di Giannis. Ad ogni modo, però, non potrà più sconvolgere Embiid per il titolo di marcatore.

È interessante notare che un uomo che avrebbe potuto dare a Embiid una corsa per i suoi soldi era LeBron James. Prima di essere chiuso per il resto della stagione a causa di un infortunio, la superstar dei Lakers era a 30,3 punti a partita. Tuttavia, il fatto che The King abbia giocato in sole 56 partite in questa stagione lo ha portato fuori gara per non aver soddisfatto il requisito minimo di gioco.

Nets star Kevin Durant introito schietto sul torneo play-in

I Brooklyn Nets non sono in buona forma in questo momento, lottando con le unghie e con i denti per cercare di bloccare un seme n. 7 o n. 8 per il torneo play-in. Attualmente sono al decimo posto, il che significa che la squadra di Steve Nash dovrebbe vincere due partite per prenotare il biglietto per la postseason. Ma se stai chiedendo a Kevin Durant, a lui potrebbe importare di meno di come appare il percorso.

Via Nick Friedell:

La star dei Nets è evidentemente fiduciosa nella sua rosa. Dopotutto, con KD in testa al fianco di Kyrie Irving, tutto è possibile. Tuttavia, Brooklyn ha davvero bisogno di bloccarsi sulla difensiva se qualsiasi tipo di corsa ai playoff diventerà realtà.

Ad esempio, sabato, Durant ha segnato 55 punti sbalorditivi contro gli Atlanta Hawks, mentre Kyrie ne aveva 31. Tuttavia, hanno comunque perso, rinunciando a 122 punti ai loro potenziali avversari, con Trae Young che li ha distrutti.

Inoltre, il resto della rotazione di Nets deve aumentare. Non c’è dubbio che Durant e Irving siano in grado di trasportare il carico, ma hanno bisogno di aiuto da entrambe le parti. Nessun altro giocatore è finito in doppia cifra contro Atlanta. Entrambe queste stelle hanno molta familiarità con ciò che serve per realizzarlo nella post-stagione, ma questa è una squadra. Ben Simmons è ora fuori per il resto della campagna e il play-in, ma si spera che potrebbe potenzialmente tornare per il primo round se i Nets ci arrivano.

La guardia di Timberwolves Patrick Beverley fa 180 su Luka Doncic elogiando sicuramente la star di Mavs

Prima della partita dei Minnesota Timberwolves contro i Dallas Mavericks, un vecchio video di Patrick Beverley è diventato virale. In quel video (registrato prima dell’inizio della stagione), Beverley ha detto che il giocatore più difficile da difendere nella NBA era Luka Doncic. È stato interessante vedere la guardia normalmente infuocata elogiare un altro giocatore.

Tuttavia, dopo che i Timberwolves hanno sviscerato i Mavs venerdì sera, Patrick Beverley ha ripreso la sua posizione su Luka Doncic. Dopo la vittoria, il playmaker del bulldog ha twittato quel video e sostanzialmente ha detto che non era più il caso.

Per essere onesti con Beverley, lui e i Timberwolves hanno fatto un ottimo lavoro nel rallentare Doncic in questo gioco. Doncic ha segnato 24 punti sul tiro 8-18 e 5-11 dal profondo, insieme a 10 rimbalzi e otto assist. Questi sono ancora numeri decenti, ma ben lontani dalla produzione che il prodigio sloveno ha offerto di recente. Anche il suo -22 più-meno sporge come un pollice dolorante.

I fan accaniti sanno che Beverley e Doncic hanno un po’ di storia l’uno contro l’altro. I due si sono affrontati più volte nei playoff negli ultimi anni. Tuttavia, ogni singola volta, Doncic ha battuto Beverley, portando all’uscita dei Clippers. Tuttavia, quest’anno sembra essere diverso per i Timberwolves.

Beverley si è assicurato di chiarire le cose in un tweet di follow-up, dicendo che non aveva altro che amore per Doncic. È solo che questa volta ha vinto il matchup.

È possibile che Timberwolves e Mavs si affrontino di nuovo nei playoff. Quando ciò accadrà, tutti si aspetteranno un incontro esuberante pieno di chiacchiere spazzatura e forse un gioco caratteristico da uno di questi giocatori.

I veri sentimenti dell’allenatore dei Warriors Steve Kerr sulla “terribile” battuta d’arresto di James Wiseman

Sabato mattina, l’allenatore dei Golden State Warriors Steve Kerr ha confermato i rapporti sul gonfiore al ginocchio di James Wiseman. L’allenatore è stato completamente aperto quando ha spiegato in dettaglio la sua prospettiva sulla situazione.

“Ieri non si è allenato”, ha detto ai media l’allenatore dei Warriors. “Quindi, sia ieri che oggi, il nostro personale di formazione ha unito la testa ai medici che hanno lavorato con James e, in pratica, la decisione è stata di fare una pausa a causa del gonfiore al ginocchio”.

James Wiseman ha avuto diverse battute d’arresto in questa stagione che hanno interrotto il suo ritorno. Questo è stato il momento più vicino al centro del secondo anno per essere tornato con la squadra. Ora, c’è incertezza che indosserà una maglia del Golden State in questa stagione.

“Mi sento malissimo per James”, ha detto Kerr. La speranza era che giocasse domani a Santa Cruz. Non succederà. Continuerò semplicemente a tornare al fatto che ha 20 anni e ha tutto il suo futuro davanti. Dobbiamo solo essere molto cauti. Dobbiamo fare ciò che è meglio per lui a lungo termine. Quindi niente partita domani. Probabilmente non verrà in viaggio con noi. Faremo una pausa, vedremo come risponde il ginocchio e da lì ripartiremo”.

È stata una settimana difficile per i Warriors. In primo luogo, hanno perso la loro superstar Stephen Curry per un infortunio, e ora hanno ricevuto cattive notizie su Wiseman. L’unica cosa che Steve Kerr e la sua squadra possono fare è guardare avanti, e questo inizia con il loro prossimo avversario nei San Antonio Spurs.

La star di Bucks Giannis Antetokounmpo diventa brutalmente onesto sul mostruoso gioco da 38 punti di Klay Thompson per Warriors

La star di Milwaukee Bucks[canotte basket Milwaukee Bucks poco prezzo] Giannis Antetokounmpo sa di cosa è capace Klay Thompson, ma ha ammesso che se ne erano quasi dimenticati prima che il tiratore scelto dei Golden State Warriors li picchiasse sabato.

Thompson è esploso per un mostro di 38 punti, andando 8 su 15 dalla linea dei 3 punti per punire i Bucks. Antetokounmpo e il resto di Milwaukee sono riusciti a limitare il suo Splash Bro. Stephen Curry a soli ottavi punti, ma semplicemente non hanno avuto risposta per Thompson che era in fiamme fin dall’inizio.

Dopo la partita, Antetokounmpo è diventato brutalmente onesto sulla performance di Thompson, poiché ha condiviso che per loro è stato un campanello d’allarme.

“Non lo vediamo da tempo a causa del suo infortunio. È quasi come se avessimo dimenticato chi fosse”, ha detto Antetokounmpo, riferendosi all’assenza di due anni e mezzo di Thompson a causa di molteplici infortuni, secondo Marc J. Spears di The Undefeated.

Tuttavia, è difficile incolpare Giannis Antetokounmpo e i Bucks. Klay Thompson ha lottato di recente, con una media di soli 15,8 punti con il 36,9% di tiri nelle cinque partite giocate dopo la pausa All-Star. Milwaukee probabilmente non si aspettava che uscisse dalla crisi così rapidamente.

Per quanto riguarda Thompson e i Warriors, avevano sicuramente bisogno di quella prestazione e di quella vittoria. Non solo è stato un incoraggiamento di fiducia per Klay, ma anche per i Warriors poiché ha dimostrato di avere qualcuno su cui poter fare affidamento quando Stephen Curry lotta.

Per non parlare del fatto che questa squadra di Dubs non è ancora al completo. Draymond Green deve ancora suonare con Thompson, quindi immagina cosa possono fare insieme quando il loro nucleo insieme a Curry sarà completamente sano.negozio canotte basket poco prezzo

Sicuramente, i Bucks si sono già resi conto della minaccia che portano i Warriors in vista della postseason.

GUARDA: Klay Thompson condivide un momento fantastico con Will Ferrell nei panni di Jackie Moon

Tutti amano tutti! Questo era forse ciò che era nella mente di Klay Thompson quando i Golden State Warriors hanno ospitato i Los Angeles Clippers martedì sera al Chase Center.

Questo perché Thompson ha vissuto un momento fantastico con uno dei più leggendari pionieri del basket. Qualcuno che renderebbe il dottor James Naismith estremamente geloso se fosse vivo oggi. Nientemeno che Jackie Moon.

Thompson e l’attore Will Ferrell, che ha interpretato Moon nella commedia Semi-Pro, hanno avuto un breve incontro prima della soffiata e, naturalmente, è stato fantastico (tramite Warriors).

Nel caso non lo sapessi, Thompson è un grande fan di Semi-Pro, anche se si traveste da Moon per Halloween nel 2018. Ma ovviamente è un Full-Pro. Prendilo? No?

A parte le battute stupide, i Warriors possono solo sperare che ci saranno più risate da fare entro la fine della loro partita contro i Clippers. La squadra ha lottato negli ultimi tempi, inclusa una serie di quattro sconfitte consecutive.

Thompson, Stephen Curry e Andrew Wiggins sono rimasti tutti fuori per la sconfitta contro i Denver Nuggets lunedì sera, ma sono tornati in uniforme per i Warriors.

Vediamo se la magia di Moon è stata trasferita a Thompson, che è stato funk nelle loro recenti uscite.

I Warriors potrebbero voler guardare un nastro di Moon e dei famigerati Flint Tropics.

Ja Morant spezza la maledizione da 50 punti dei Grizzlies con un’esplosione pazzesca contro gli Spurs

Ja Morant è impazzito lunedì sulla strada per 52 punti contro i San Antonio Spurs. Nel processo, ha stabilito e battuto tutti i tipi di record dei Memphis Grizzlies.

Morant ha segnato 29 gol nella prima metà della partita e non ha rallentato nella seconda quando i Grizzlies hanno consegnato agli Spurs una batosta per 118-105. Con la sua prestazione, non solo ha stabilito un record in carriera, ma ha anche segnato un nuovo record di franchigia per il maggior numero di punti in una gara, che è anche il primo record di 50 punti nella storia della squadra.

Come ha notato Stat Muse, ciò ha anche spezzato una maledizione piuttosto scioccante per i Grizzlies. Apparentemente Memphis non aveva segnato 50 punti prima della folle esibizione del giovane al FedExForum.

Ja Morant deteneva il precedente record dei Grizzlies per il maggior numero di punti in una partita con 46, cosa che ha fatto solo sabato scorso contro i Chicago Bulls. Complessivamente nelle ultime quattro partite, ha segnato una media di 40,5 punti con il 53 percento di tiri

Il 22enne ha già dimostrato in questa stagione di essere un All-Star. Ora, a quanto pare, sta sostenendo con forza di essere incluso nella conversazione di MVP. Inoltre, ha entrambi i numeri e il record di squadra per fare un argomento forte.

Non che Morant lo stia inseguendo, poiché cerca di portare i suoi Grizzlies più a fondo nei playoff. Tuttavia, sarà sicuramente bello se guadagnerà più riconoscimenti con il modo in cui gioca. Chiaramente, è il giocatore più elettrizzante della NBA oggi.