La star dei blazer Anfernee Simons rompe il silenzio sullo scambio di CJ McCollum

I Portland Trail Blazers hanno preso la decisione di dividere il tandem di lunga data del franchise di CJ McCollum e Damian Lillard alla scadenza commerciale della NBA. Sebbene McCollum fosse uno dei preferiti dai fan, la decisione di scambiarlo con i New Orleans Pelicans era una decisione che doveva essere presa, soprattutto durante l’emergere di Anfernee Simons come potenziale star. A Simons è stato chiesto quali fossero i suoi pensieri sul commercio McCollum e cosa significasse per lui, e ha dato alcune risposte sincere, tramite Sports Illustrated.

“Il fatto che diventasse realtà è stato un momento surreale, perché è una di quelle persone che non avresti mai pensato se ne sarebbero andate”, ha detto Simons alla partenza di McCollum. “Ho una dirigenza che crede davvero in me e vuole vedermi avere successo e vuole che li aiuti a raggiungere un livello di campionato”.

La partenza di McCollum non ha fatto altro che confermare a Simons che i Blazers hanno un’enorme fiducia in lui come uno dei punti cardine del futuro della zona di difesa. Certo, vedere un caro amico e un compagno di squadra lasciare l’organizzazione è difficile, ma questa è la natura del business. E in termini di sviluppo della carriera di Simons, i nuovi minuti disponibili faranno molto. E ha sfruttato al massimo il suo nuovo ruolo, con una media di 30,3 punti, 6,3 assist e uno sbalorditivo 5,8 da 3 punti realizzati nelle ultime quattro partite in vista della pausa All-Star.

In questa stagione, Simons ha una media di record in carriera su tutta la linea, inclusi 17,0 punti e 3,9 assist. Sta abbattendo un impressionante 3,1 tiri da 3 punti a partita, con uno stupefacente clip del 40%, dimostrando le sue abilità come uno dei migliori tiratori scelti della lega. Con McCollum non più davanti a lui nella rotazione dei Blazers, Simons ha molte opportunità per brillare a Portland.

Celtics Wing Wing Jaylen Brown’s 1-Word Reaction To All-Star Sostitutive Snub

Boston Celtics Star Jaylen Brown ha ascoltato il messaggio ad alta voce e chiaro dopo che l’NBA ne ha negato un’altra opportunità per diventare una stella all-sdraiata.

Lunedì, la Lega ha annunciato le sostituzioni per Brooklyn Nets Forward Kevin Durant e Golden State Warriors Gurro difensivo Guru Draymond Green per il gioco All-Star. Sfortunatamente per il Brown, non sentì che il suo nome viene chiamato di nuovo, con la palla Lamelo entrando per est e Dejounte Murray proveniente da Occidente.

Brown, che sta mettendo 23,9 punti, 6,5 rimbalzi e 3.0 assist, sembrava deluso dallo sviluppo e ha twittato solo una parola in reazione ad esso.

Jaylen Brown ha appena suggerito che ha intenzione di provare Adam Silver e il resto della NBA sbagliato con ciò che ritiene come un enorme snobbato? Sembra sicuramente.

Questa è una buona notizia per i fan di Celtics, però, come vorrebbero un marrone motivato nel loro tentativo di scalare le classifiche della conferenza orientale e rubare un punto di qualificazione automatico dei playoff dagli altri contendenti.

Per quello che vale, l’ultimo sentimento di Brown arriva un giorno dopo aver affermato che non sta perdendo il sonno oltre il suo snobbato. Il suo compagno di squadra di Celtics Jayson Tatum ha detto in precedenza che avrebbe contattato l’argento e convincere il Commissario NBA a mettere in Brown come sostituto per KD, anche se sembrava che non importasse per l’onore.

“Non ho perso il sonno. Sono benedetto, estremamente. … Nessuna lamentela, nessun sonno perduto da parte mia, “ha detto Brown dopo aver guidato Boston a un’enorme 116-83 vincere la magia di Orlando domenica.

Indipendentemente da ciò che sente veramente, Brown può fare solo una cosa: lascia che il suo gioco faccia il parlare.

Anthony Davis ha deciso di tornare per i Lakers dopo l’infortunio alla MCL

I Los Angeles Lakers[canotte basket Los Angeles Lakers poco prezzo] hanno ricevuto alcune notizie interessanti lunedì in quanto hanno annunciato che Anthony Davis è stato aggiornato a probabile per la partita di martedì sera contro i Brooklyn Nets.

Anthony Davis non gioca per i Lakers da oltre un mese a causa di una distorsione alla MCL. Questa è un’ottima notizia per i Lakers che stanno cercando di tornare in pista verso l’ultima metà della stagione.

Los Angeles ha avuto una stagione difficile, dato che ora sono una partita sotto .500 dopo la sconfitta di domenica contro i Miami Heat. Attualmente hanno 23-24 anni e detengono l’ottavo seme della Western Conference. I Lakers non stanno andando bene come speravano. Il ritorno di Anthony Davis potrebbe fornire una scintilla per questa squadra, dal momento che è uno dei migliori giocatori che il gioco ha da offrire.

Davis aveva una media di 23,3 punti, 9,9 rimbalzi e due stoppate a partita prima dell’infortunio. Ci sono stati momenti durante la stagione in cui sembrava in difficoltà, ma con una tanto attesa rimonta, dovrebbe tornare alla stella che tutti sanno che può essere.negozio canotte basket poco prezzo

Los Angeles avrà bisogno di Anthony Davis per giocare il suo miglior basket in questa stagione se vogliono avere qualche possibilità di tornare in pista. Hanno avuto notti in cui non sembravano una squadra in grado di fare una profonda corsa ai playoff, cosa che non ci si aspettava per l’inizio della stagione.

Klay Thompson sta giocando contro i Timberwolves

I Golden State Warriors concluderanno il loro viaggio di quattro partite a Minneapolis per affrontare i Minnesota Timberwolves domenica. Klay Thompson ha fatto il suo trionfale ritorno la scorsa settimana, ma ha saltato l’ultima partita di Golden State contro i Chicago Bulls. I Warriors continueranno a esercitare cautela e a rimettere in gioco la loro guardia tiratrice stellare. Detto questo, Klay Thompson sta giocando contro i Timberwolves?

Klay Thompson sta giocando contro i Timberwolves
Quindi, Klay Thompson suonerà stasera? A detta di tutti, la star dei Warriors sarà a posto per domenica sera. In effetti, vedrà persino aumentare il suo carico di lavoro, poiché il capo allenatore Steve Kerr prevede di espandere i suoi minuti a 24 dai 20 precedenti, secondo Anthony Slater di The Athletic.

Il piano iniziale per il 31enne era di fargli giocare quattro intervalli di 5 minuti e portare i suoi minuti a 20 durante le sue prime partite indietro. Ma a causa dello scoppio dello scoppio che Golden State ha subito per mano dei Milwaukee Bucks giovedì, questo ha permesso a Kerr di vedere Thompson giocare per 10 minuti nel terzo quarto.

I Warriors hanno tenuto a bada Thompson nella seconda notte di un back-to-back venerdì, dove Golden State ha assolutamente battuto i Chicago Bulls. Dovrebbero continuare a prestare attenzione con la loro amata doppia guardia mentre sta recuperando da due dei più devastanti infortuni alla parte inferiore della gamba in tutti gli sport.

Nelle sue prime tre partite, Thompson ha una media di 14,0 punti tirando il 35,7 percento dal campo e il 35,0 percento da tre.

La star della Washington State University ha espresso una certa frustrazione per le sue restrizioni. Ma sa che questo processo di ritorno e arrotondamento alla sua precedente forma da All-Star avrà i suoi crescenti dolori.

Tuttavia, Warriors Nation è solo entusiasta di vedere il numero 11 di nuovo in pista. Quindi, Klay Thompson suonerà stasera? Scommetti!

L’esperimento del centro di LeBron James ha potenziato i Lakers

I Los Angeles Lakers sono emersi dalla loro serie di cinque sconfitte consecutive con ritrovata energia, vincendo cinque delle ultime sei partite. Con Anthony Davis messo da parte, i Lakers stanno raggiungendo nuove vette in attacco e hanno ottenuto una serie di quattro vittorie consecutive, la più lunga della stagione. Hanno segnato 130 punti tre volte in questo arco di tempo, tutti nei regolamenti e nelle vittorie.

Spostare LeBron James al centro sembra aver sbloccato l’attacco dei Lakers, poiché sono imbattuti con James a cinque. Finché continuano a rotolare, dovrebbero continuare con questa strategia.

https://twitter.com/SportsCenter/status/1479699726802976768

Segnare 127 punti a partita renderebbe i Lakers il miglior attacco con un ampio margine. Ovviamente, quel ritmo non è sostenibile, ma dà un’idea di ciò che questo look da pallina può fare per Los Angeles. James che gestisce l’attacco con altri giocatori che possono tirare e segnare è stata una ricetta per il successo. Ha infranto uno dei record di Michael Jordan mentre eccelle in questo nuovo attacco dei Lakers.

Stanley Johnson è stata una delle ragioni principali per cui i Lakers sono stati in grado di far funzionare questa strategia. Il 25enne funge da centro difensivo, usando il suo atletismo e versatilità per difendere il centro avversario e passare agli altri. In una delle partite in cui James ha giocato al centro, Johnson non era disponibile, quindi Trevor Ariza è scivolato al suo posto, dando a Los Angeles più tiri perimetrali rispetto a Johnson.

L’uso di Johnson e Ariza offre due look diversi per Los Angeles: uno con una difesa più energica e uno con più potenza offensiva. Varrebbe la pena per i Lakers firmare Johnson, che ha un contratto di 10 giorni, per un contratto completo per questa stagione. Questa nuova strategia potrebbe anche ispirarli a passare completamente da DeAndre Jordan.

Va notato che la corsa dei Lakers è arrivata contro alcune delle peggiori difese del campionato. Contro squadre con uomini grandi e dominanti come Milwaukee Bucks, Philadelphia 76ers e Denver Nuggets, potrebbero dover tornare a una formazione più tradizionale. Tuttavia, i vantaggi in attacco valgono la pena provare contro qualsiasi squadra.

Mettere James al centro è sicuramente qualcosa che i Lakers dovrebbero continuare a usare. Quando Davis torna dall’infortunio, possono farlo rientrare ai quattro e continuare il loro esperimento di successo.

L’avvistamento di Michael Porter Jr. farà sicuramente piacere ai fan dei Nuggets

L’attaccante dei Denver Nuggets Michael Porter Jr. sembra essere in buona riabilitazione dopo essersi sottoposto a un intervento chirurgico alla schiena all’inizio della stagione.

In vista della resa dei conti dei Nuggets con i Dallas Mavericks lunedì, MPJ è stato avvistato mentre svolgeva alcuni lavori di tiro insieme ai suoi compagni di squadra. Anche se è chiaro che non è ancora completamente sano, visto che sta facendo solo riprese da fermo, è sicuramente uno spettacolo per gli occhi irritati vederlo fare un lavoro fisico considerando il suo infortunio.

Michael Porter Jr. dovrebbe essere fuori per la stagione 2021-22 dopo aver subito un infortunio alla schiena nove partite nella stagione. Rapporti precedenti affermavano che si trattava di un problema nervoso alla schiena che avrebbe richiesto un intervento chirurgico.

E abbastanza vero, Porter ha dovuto sottoporsi a una procedura per affrontare l’infortunio alla schiena, che era stato un disturbo ricorrente per lui anche prima di essere arruolato dai Nuggets nel 2018.

Resta da vedere come andrà avanti Porter. Di recente ha avuto un altro attacco con COVID-19, ma da quando è tornato si è unito alla squadra nel loro viaggio.

Prima di cadere a causa dell’infortunio, MPJ accumulava 9,9 punti e 6,6 rimbalzi a partita. Ha avuto un inizio d’anno difficile, anche se c’erano grandi speranze che potesse superare il suo crollo ed essere un giocatore cruciale per Denver in assenza di Jamal Murray.

Con il suo infortunio, però, i Nuggets devono essere pazienti per il loro prezioso attaccante.

La star dei Sixers Tobias Harris riflette sulla prima tripla doppia della carriera contro i Raptors

Ci sono stati molti aspetti positivi dalla vittoria dei Philadelphia 76ers sui Toronto Raptors martedì sera. Joel Embiid ha continuato il suo tratto dominante, il cast di supporto ha mostrato di nuovo segni di vita e molto altro ancora. Una delle più grandi trame del gioco è arrivata da Tobias Harris, che ha fatto qualcosa che non aveva mai fatto prima.

Per la prima volta nella sua carriera di 11 anni, Harris ha realizzato una tripla doppia. Ha chiuso la partita con 19 punti, 12 rimbalzi e 10 assist. Ci sono state numerose occasioni in cui Harris si è avvicinato a questa impresa e alla fine ha superato la gobba.

https://twitter.com/ESPNNBA/status/1476027550790995973

Dopo la partita, Harris ha riflettuto sulla sua notte di carriera. Sapeva che si stava avvicinando alla tripla-doppia durante il matchup, ma non si è lasciato entrare in testa.

“Alla fine del primo tempo o all’inizio del terzo quarto, l’ho visto. Ma per me, era solo andare là fuori e trovare modi per fare spettacoli. Ovviamente, mi sarebbe sicuramente piaciuto tirare meglio la palla. Un sacco di bei look su cui pensavo di essere stato colpito non sono andati in quel modo. Ma nel complesso, volevo solo rimanere aggressivo e creare giochi là fuori, quindi merito ai miei compagni di squadra per aver fatto un bell’aspetto e essere stati in grado di abbattere i colpi e finire “, ha condiviso l’attaccante dei Sixers, secondo Ky Carlin di USA Today.

Tobias Harris merita un sacco di credito per la sua esibizione contro i Raptors. Anche se ha tirato 3 su 12 dal campo, Harris è riuscito a trovare il modo di contribuire alla vittoria.

I buoni giocatori trovano sempre un modo per restare in campo quando i loro tiri non cadono. Invece di mettersi in testa per una brutta notte di riprese, Harris ha concentrato la sua attenzione su altre aree in cui poteva fornire un passaggio. Ha anche trovato il modo di ottenere più punti sul tabellone per i Sixers, raggiungendo la linea di tiro libero 14 volte il team-high.

A questo punto della sua carriera, è un po’ scioccante che Harris non abbia mai raggiunto questo livello prima. Fin dai suoi primi giorni in campionato, è diventato un attaccante tuttofare che può riempire il box score quando inizia.

Da quando è arrivato a Philadelphia, Harris si è affermato come uno dei leader dei Sixers nello spogliatoio. Esibizioni come questa sono un ottimo modo per dare l’esempio ad alcuni dei ragazzi più giovani del roster, dimostrando che altre cose possono essere fatte in campo per garantire una vittoria al di fuori del segnare la palla.

Fare una tripla doppia doveva essere un momento di benessere per Harris e i Sixers. La sua stagione non è andata esattamente come previsto, ma sta ricominciando a trovare il suo equilibrio. Martedì è passato da una prestazione di tiro che vorrebbe dimenticare a una partita che ricorderà per sempre.

La star dei Sixers Joel Embiid lancia una bomba della verità sulla sua carriera NBA

Le speranze dell’intera franchigia dei Philadelphia 76ers[canotte basket Philadelphia 76ers poco prezzo] riposano sulle spalle del loro volto in franchising Joel Embiid. Ma tornando indietro di un decennio fa, la probabilità che ciò accadesse sembrava inesistente.

Questo è secondo lo stesso Joel Embiid. La star dei Sixers è stata vocale durante il suo viaggio verso la lega dopo aver eguagliato la leggenda di Philly Allen Iverson per un record di franchigia, raggiungendo il traguardo di 7.000 punti in 300 partite. Al centro camerunese, arrivarci non sembrava essere nelle carte per lui.

Via Justin Grasso di SI:

“Quando sono arrivato negli Stati Uniti, il mio obiettivo era davvero quello di sfruttare questa opportunità in modo da poter ottenere una sorta di borsa di studio e una sorta di laurea in modo da poter tornare a casa e ricavarne qualcosa”, ha spiegato Embiid. “Non l’ho mai saputo. Voglio dire, inizi a giocare a basket a 16 anni. Per me era come se non avessi mai avuto la possibilità di farcela”.

Passare da una prospettiva allampanata e cruda al raffinato All-Star che porta i Sixers è una testimonianza sia del talento di Joel Embiid che del lavoro che ha messo in campo per realizzare il suo potenziale.

“Ho sempre pensato che non ce l’avrei mai fatta”, ha continuato la star dei Sixers. “Il fatto che le persone credessero in me e che fossi andata al college, era quello che volevo, onestamente. Ho sfruttato quell’opportunità per laurearmi e andare a lavorare da qualche altora parte e fare un po’ di soldi per la mia famiglia. Non l’avrei mai immaginato».negozio canotte basket poco prezzo

Joel Embiid non ce l’ha fatta. È invece diventato uno dei giocatori più dominanti della sua generazione: un chiaro talento tra i primi 10 della NBA e un contendente annuale per il premio MVP quando è in salute. Mentre rivendicare un campionato NBA è ancora chiaramente nel suo mirino, arrivare a questo punto per lui è già un risultato incredibile. Tutto il resto è solo sugo.

L’imbarazzante statistica della frizione di Joel Embiid dei Sixers peggiora dopo la sconfitta contro gli Hawks

I Philadelphia 76ers sono entrati nella partita di giovedì sera con gli Atlanta Hawks in lotta per il posizionamento nella Eastern Conference. I Sixers erano 16-15 con gli Hawks con il fiato sul collo, solo 1,5 partite indietro. La partita sarebbe arrivata all’ultimo minuto. Ancora una volta, il centro super star dei Sixers Joel Embiid è apparso piccolo nel momento più importante.

I Sixers hanno avuto il possesso nei secondi finali, in svantaggio 98-96. Hanno messo la palla nelle mani di Embiid. Embiid si è fermato per un jumper di 21 piedi spalancato per legare il gioco. Ancora una volta, l’omone arrivò vuoto.

Il tiro del pareggio di Embiid rimbombava, mentre Philadelphia perdeva contro Atlanta 98-96. Embiid ha migliorato la sua capacità di tirare da fuori nel corso della sua carriera, ma non è stato in grado di affondare il tiro che contava di più.

Nella sconfitta, Embiid ha chiuso la partita con 23 punti e 10 rimbalzi. Ma è stata una notte molto inefficiente per lui. Ha tirato 6-17 dal pavimento.

Secondo ESPN Stats & Info, Embiid è ora 1-18 nella sua carriera sui tiri di pareggio o via libera negli ultimi cinque secondi del regolamento o dei tempi supplementari. Solo Kemba Walker è stato peggio in quelle situazioni da quando Embiid è entrato per la prima volta in campionato nel 2016-2017. Walker è incredibilmente 0-25 su questi colpi.

Gli Hawks hanno ottenuto uno sforzo equilibrato giovedì sera con sei giocatori che hanno segnato in doppia cifra. Cam Reddish guidava gli Hawks con 18 punti.

I Sixers hanno perso quattro delle ultime cinque partite da quando hanno battuto i Golden State Warriors un paio di settimane fa. Philadelphia è alla pari con i Boston Celtics per il 2° posto nell’Atlantic Division, sei partite dietro i Brooklyn Nets.

Il debuttante dei Warriors Jonathan Kuminga rivela la prima cosa che fa quando viene lasciato aperto

Il debuttante dei Golden State Warriors Jonathan Kuminga ha registrato il primo inizio della sua carriera NBA sabato contro i Toronto Raptors, grazie al riposo delle stelle chiave del Dubs. La scelta n. 7 del Draft NBA 2021 ha avuto una notte di carriera, segnando 26 punti con 9 su 15 tiri dal campo e 4 su 6 da 3 punti in una sconfitta per 119-100.

È stato un record di carriera in 3 punti realizzati in una partita per il rookie. Kuminga ha fatto la sua migliore imitazione di Stephen Curry, che era fuori a riposare. Ma una notte calda non cambierà il gioco del giovane Warriors.

“Il mio gioco è guidare al canestro ogni volta. Rimango sempre coerente e guido. Se mi dai molto spazio, mi verrà voglia di tirare la palla. Il punto focale sono io che attacco per primo il cerchione”, ha detto Kuminga a ClutchPoints.

Kuminga ha abilità atletiche d’élite e sa come usarle nei giochi. Gli ha già fornito alcune giocate da highlight in questa stagione, anche se non ha giocato molto. Giocare lunghi minuti contro Toronto significava che era probabile che il debuttante dei Warriors avrebbe aggiunto un altro punto culminante alla lista, e ha fatto proprio questo:

https://twitter.com/WarriorNationCP/status/1472370791928848386

Il tiro è stato il punto interrogativo per Kuminga, e solo perché ha realizzato quattro tiri da tre in questa partita non significa che l’abbia capito. Tuttavia, significa che sta lavorando sodo e non ha paura di sparare se lasciato aperto. Più spara, più fiducia acquisirà.

Abbattere le triple aperte è più impegnativo di quanto la maggior parte capisca. Se Kuminga impara a farlo in modo semi-coerente, aprirà la porta per far sbocciare il suo gioco. In quel momento il debuttante dei Warriors diventerà un incubo per tutti i difensori e le squadre avversarie.