La star dei Sixers Tobias Harris riflette sulla prima tripla doppia della carriera contro i Raptors

Ci sono stati molti aspetti positivi dalla vittoria dei Philadelphia 76ers sui Toronto Raptors martedì sera. Joel Embiid ha continuato il suo tratto dominante, il cast di supporto ha mostrato di nuovo segni di vita e molto altro ancora. Una delle più grandi trame del gioco è arrivata da Tobias Harris, che ha fatto qualcosa che non aveva mai fatto prima.

Per la prima volta nella sua carriera di 11 anni, Harris ha realizzato una tripla doppia. Ha chiuso la partita con 19 punti, 12 rimbalzi e 10 assist. Ci sono state numerose occasioni in cui Harris si è avvicinato a questa impresa e alla fine ha superato la gobba.

https://twitter.com/ESPNNBA/status/1476027550790995973

Dopo la partita, Harris ha riflettuto sulla sua notte di carriera. Sapeva che si stava avvicinando alla tripla-doppia durante il matchup, ma non si è lasciato entrare in testa.

“Alla fine del primo tempo o all’inizio del terzo quarto, l’ho visto. Ma per me, era solo andare là fuori e trovare modi per fare spettacoli. Ovviamente, mi sarebbe sicuramente piaciuto tirare meglio la palla. Un sacco di bei look su cui pensavo di essere stato colpito non sono andati in quel modo. Ma nel complesso, volevo solo rimanere aggressivo e creare giochi là fuori, quindi merito ai miei compagni di squadra per aver fatto un bell’aspetto e essere stati in grado di abbattere i colpi e finire “, ha condiviso l’attaccante dei Sixers, secondo Ky Carlin di USA Today.

Tobias Harris merita un sacco di credito per la sua esibizione contro i Raptors. Anche se ha tirato 3 su 12 dal campo, Harris è riuscito a trovare il modo di contribuire alla vittoria.

I buoni giocatori trovano sempre un modo per restare in campo quando i loro tiri non cadono. Invece di mettersi in testa per una brutta notte di riprese, Harris ha concentrato la sua attenzione su altre aree in cui poteva fornire un passaggio. Ha anche trovato il modo di ottenere più punti sul tabellone per i Sixers, raggiungendo la linea di tiro libero 14 volte il team-high.

A questo punto della sua carriera, è un po’ scioccante che Harris non abbia mai raggiunto questo livello prima. Fin dai suoi primi giorni in campionato, è diventato un attaccante tuttofare che può riempire il box score quando inizia.

Da quando è arrivato a Philadelphia, Harris si è affermato come uno dei leader dei Sixers nello spogliatoio. Esibizioni come questa sono un ottimo modo per dare l’esempio ad alcuni dei ragazzi più giovani del roster, dimostrando che altre cose possono essere fatte in campo per garantire una vittoria al di fuori del segnare la palla.

Fare una tripla doppia doveva essere un momento di benessere per Harris e i Sixers. La sua stagione non è andata esattamente come previsto, ma sta ricominciando a trovare il suo equilibrio. Martedì è passato da una prestazione di tiro che vorrebbe dimenticare a una partita che ricorderà per sempre.

La star dei Sixers Joel Embiid lancia una bomba della verità sulla sua carriera NBA

Le speranze dell’intera franchigia dei Philadelphia 76ers[canotte basket Philadelphia 76ers poco prezzo] riposano sulle spalle del loro volto in franchising Joel Embiid. Ma tornando indietro di un decennio fa, la probabilità che ciò accadesse sembrava inesistente.

Questo è secondo lo stesso Joel Embiid. La star dei Sixers è stata vocale durante il suo viaggio verso la lega dopo aver eguagliato la leggenda di Philly Allen Iverson per un record di franchigia, raggiungendo il traguardo di 7.000 punti in 300 partite. Al centro camerunese, arrivarci non sembrava essere nelle carte per lui.

Via Justin Grasso di SI:

“Quando sono arrivato negli Stati Uniti, il mio obiettivo era davvero quello di sfruttare questa opportunità in modo da poter ottenere una sorta di borsa di studio e una sorta di laurea in modo da poter tornare a casa e ricavarne qualcosa”, ha spiegato Embiid. “Non l’ho mai saputo. Voglio dire, inizi a giocare a basket a 16 anni. Per me era come se non avessi mai avuto la possibilità di farcela”.

Passare da una prospettiva allampanata e cruda al raffinato All-Star che porta i Sixers è una testimonianza sia del talento di Joel Embiid che del lavoro che ha messo in campo per realizzare il suo potenziale.

“Ho sempre pensato che non ce l’avrei mai fatta”, ha continuato la star dei Sixers. “Il fatto che le persone credessero in me e che fossi andata al college, era quello che volevo, onestamente. Ho sfruttato quell’opportunità per laurearmi e andare a lavorare da qualche altora parte e fare un po’ di soldi per la mia famiglia. Non l’avrei mai immaginato».negozio canotte basket poco prezzo

Joel Embiid non ce l’ha fatta. È invece diventato uno dei giocatori più dominanti della sua generazione: un chiaro talento tra i primi 10 della NBA e un contendente annuale per il premio MVP quando è in salute. Mentre rivendicare un campionato NBA è ancora chiaramente nel suo mirino, arrivare a questo punto per lui è già un risultato incredibile. Tutto il resto è solo sugo.

L’imbarazzante statistica della frizione di Joel Embiid dei Sixers peggiora dopo la sconfitta contro gli Hawks

I Philadelphia 76ers sono entrati nella partita di giovedì sera con gli Atlanta Hawks in lotta per il posizionamento nella Eastern Conference. I Sixers erano 16-15 con gli Hawks con il fiato sul collo, solo 1,5 partite indietro. La partita sarebbe arrivata all’ultimo minuto. Ancora una volta, il centro super star dei Sixers Joel Embiid è apparso piccolo nel momento più importante.

I Sixers hanno avuto il possesso nei secondi finali, in svantaggio 98-96. Hanno messo la palla nelle mani di Embiid. Embiid si è fermato per un jumper di 21 piedi spalancato per legare il gioco. Ancora una volta, l’omone arrivò vuoto.

Il tiro del pareggio di Embiid rimbombava, mentre Philadelphia perdeva contro Atlanta 98-96. Embiid ha migliorato la sua capacità di tirare da fuori nel corso della sua carriera, ma non è stato in grado di affondare il tiro che contava di più.

Nella sconfitta, Embiid ha chiuso la partita con 23 punti e 10 rimbalzi. Ma è stata una notte molto inefficiente per lui. Ha tirato 6-17 dal pavimento.

Secondo ESPN Stats & Info, Embiid è ora 1-18 nella sua carriera sui tiri di pareggio o via libera negli ultimi cinque secondi del regolamento o dei tempi supplementari. Solo Kemba Walker è stato peggio in quelle situazioni da quando Embiid è entrato per la prima volta in campionato nel 2016-2017. Walker è incredibilmente 0-25 su questi colpi.

Gli Hawks hanno ottenuto uno sforzo equilibrato giovedì sera con sei giocatori che hanno segnato in doppia cifra. Cam Reddish guidava gli Hawks con 18 punti.

I Sixers hanno perso quattro delle ultime cinque partite da quando hanno battuto i Golden State Warriors un paio di settimane fa. Philadelphia è alla pari con i Boston Celtics per il 2° posto nell’Atlantic Division, sei partite dietro i Brooklyn Nets.

Come l’enigma di Ben Simmons è stato una benedizione sotto mentite spoglie per i Philadelphia 76ers

Sì, ci sono circa due nuovi sviluppi a settimana riguardanti la relazione traballante tra Ben Simmons, Rich Paul e i Philadelphia 76ers. Sebbene l’intera situazione sia assurda, ha dato vita a una realtà incoraggiante per i Sixer, ovvero che possono lottare e prosperare senza Simmons.

L’assenza di Ben Simmons è una benedizione sotto mentite spoglie?
Quando un contendente è senza uno dei suoi migliori giocatori, la squadra dovrebbe, con il pensiero, diminuire le prestazioni. Questo non è successo per i Sixers senza Simmons, dato che sono 8-5 per iniziare la stagione 2021-22.

Sì, hanno perso tre partite di fila, ma ciò è anche in parte dovuto al fatto che Joel Embiid e Tobias Harris sono fuori dal campo a causa dei protocolli di salute e sicurezza. Questi individui dovrebbero tornare entro le prossime due settimane. Inoltre, le recenti perdite della squadra sono state relazioni strette con avversari che sono squadre di calibro dei playoff o competitive in generale (New York Knicks, Milwaukee Bucks e Toronto Raptors).

Per quanto riguarda l’allenatore del gruppo che Doc Rivers ha a sua disposizione, i Sixers stanno ottenendo prestazioni e produzione considerevoli dalla rotazione del backcourt, in particolare Tyrese Maxey.

https://twitter.com/statmuse/status/1459184104985952261

Il prodotto del Kentucky ha avuto una stagione da rookie plausibile, su cui ha costruito nelle prime fasi della stagione NBA 2021-22. Maxey ha iniziato ogni partita per i Sixers ed è stato una forza insostituibile in attacco. Segna con facilità nel dribbling, attaccando i tiri in sospensione perimetrali ad alto livello e facilitando i suoi compagni di squadra. Maxey ha una media di 17,1 punti e 4,7 assist a partita mentre tira il 38,1% da oltre l’arco.

Seth Curry ha una media di 16,7 punti a partita. Continua a essere un marcatore di tiro affidabile che sta prosperando in un ruolo più amplificato. Shake Milton è su una barca simile. Il 25enne ha continuato a essere un attacco istantaneo dalla panchina.

Nel frattempo, Furkan Korkmaz e Georges Niang sono stati punti vendita scivolosi. Stanno ottenendo punti dal perimetro con frequenza mentre mettono su due cifre ogni notte.

I giocatori che si fanno avanti in assenza di Simmons sono giocatori con familiarità nel sistema dei Sixers, uno che dovrebbe essere un contendente perenne nella Eastern Conference. Hanno giovani che giocano fino al momento.

L’attacco dei 76ers sarà un colosso quando Embiid e Harris torneranno nel mix. Avranno due marcatori di calibro All-Star in Embiid e Harris, una stella in erba in Maxey, ala marcatori affidabili ed efficienti in Curry e Milton, giocatori esterni furbi in Korkmaz e Niang, un cecchino esterno in Danny Green e un muro in la vernice in Andre Drummond.

https://twitter.com/AllAmazingNBA/status/1459044473535619123

Ben Simmons Trade
Ora, consideriamo la prospettiva di uno scambio Simmons. Indipendentemente dal pacchetto ritenuto accettabile dal presidente Daryl Morey e dalla compagnia (diverse selezioni al primo round o una giovane stella), i 76ers ricevono pezzi che si aggiungerebbero solo alla loro nuova fondazione.

Le scelte del Draft potrebbero portare a più palle rubate come Maxey, che è stato selezionato dai 76ers con la 21a scelta nel Draft NBA 2020. Nello scenario ottengono giovani giocatori più avvincenti, il che rende il loro attacco ancora più vivace e aggiunge profondità. A proposito, stiamo parlando dei Sixers che scambiano qualcuno che non è nemmeno nell’edificio.

Alla fine della giornata, è difficile vedere Philly vincere l’Est con Simmons come generale di squadra. Ogni postseason ha portato alla luce una versione più estrema delle riprese passive di Simmons. Nel presente, Philadelphia ha uno stuolo di giovani giocatori volenterosi che non sono turbati dai colpi nella frizione: questi giocatori possono solo migliorare.

La rimozione di Simmons dall’equazione ha permesso al franchise di valutare ciò che ha veramente in panchina, che si scopre essere un gruppo di principianti. Accompagnano uno dei grandi uomini d’élite della NBA in Embiid e un collaudato e poliedrico marcatore in prima linea in Harris.

I 76ers vinceranno l’Est? Chissà, ma la realtà è che non stanno soffrendo senza Simmons alle due estremità del pavimento.

Philadelphia sta trovando successo rallentando il gioco a metà campo, poiché sono entrati venerdì secondo nella NBA per percentuale di canestri dal campo (47,6 percento) e quarto per percentuale di tiri da tre punti (37,6 percento). Nel frattempo, sono noni per percentuale di canestri dal campo avversario (43,8 percento) e decimi per punti avversari a partita (104,8).

Per quanto riguarda il futuro, i 76ers stanno dando un’occhiata a come individui come Maxey potrebbero effettivamente essere il sostituto di Simmons, il che significa che non dovrebbero necessariamente preoccuparsi di acquisire un comprovato ball-handler per quest’ultimo. Questo è un lusso, perché è una cosa in meno di cui potrebbero preoccuparsi a lungo termine.

Cestinare uno stipendio da 33 milioni di dollari è l’ideale? Ovviamente no. Finanziariamente, i 76ers vogliono Simmons sul pavimento o essere in grado di spostarlo per valore in uno scambio, sia che si tratti di scelte al draft o di giocatori che diventerebbero pezzi di impatto immediato nella loro rotazione.